Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.amarantodesign.com/home/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 426

Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.amarantodesign.com/home/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 426
Bonus digitalizzazione PMI: un’occasione da non perdere

Bonus digitalizzazione PMI: un’occasione da non perdere

Con la digitalizzazione cambia il modo di produrre, di scambiare e di comunicare di un’impresa. Il digitale oltre ad aver semplificato la nostra vita quotidiana ha generato nuove possibilità di sviluppo per tutte quelle imprese in grado di stare al passo con i cambiamenti e che sanno trarre vantaggio dalle nuove opportunità che il digitale offre, con il risultato che oggi sempre più realtà decidono di evolversi per non restare escluse ed avere la possibilità di emergere sui mercati.

Il digitale è sempre di più un driver di crescita ed innovazione, soprattutto nelle piccole e medie imprese. Investire nel digitale corrisponde senz’altro ad un aumento in efficenza e nel potenziamento del proprio business. In piena “rivoluzione digitale”, è importante quel mondo digitale che vede nel web, nel mobile, nelle piattaforme di vendita online e nei social media, imprescindibili quanto significativi, strumenti a vantaggio della propria attività.

    • BONUS DIGITALIZZAZIONE PMI 2018
      Il 24 Ottobre 2017 è stato pubblicato dal Ministero dello Sviluppo Economico il decreto direttoriale con le regole per accedere al contributo per l’acquisto di software, hardware e servizi specialistici. A partire dal 30 Gennaio 2018 e sino al 9 Febbraio 2018, si potrà presentare la domanda e beneficiare del voucher per la digitalizzazione delle piccole e medie imprese per un importo massimo pari a 10.000 euro.

 

    • CHI PUO’ PARTECIPARE AL BANDO?
      Tutte le piccole e medie imprese italian
      e registrate al Registro delle Imprese, senza limitazione alcuna per quanto riguarda la forma giuridica o al settore di appartenenza. Sono esclusi i liberi professionisti non iscritti al registro delle imprese, gli enti pubblici non economici, le associazioni riconosciute, le associazioni non riconosciute, le fondazioni, i comitati e gli organismi religiosi.

 

    • QUALI SPESE SI POSSONO COPRIRE?
      Tutti i costi e gli investimenti per l’acquisto di servizi di consulenza specialistica, software, hardware.

 

  • COSA POSSIAMO FARE, NOI DI AMARANTO, PER TE
    – Sito web professionale originale (galleria multimediale, moduli richiesta informazioni, sezioni per portfolio, servizi, e-booking via mail ecc)
    – Logo (progettazione o restyling) e immagine coordinata (biglietti da visita, carta intestata, altro materiale di rappresentanza)
    – SEO, ovvero ottimizzazione del sito per facilitare l’indicizzazione sui motori di ricerca
    – Creazione e gestione pagina facebook
    – Integrazione con social media per cross-posting automatizzato
    – Creazione e ottimizzazione profilo Google Business
    – Pubblicazione periodica news, offerte, press, galleria
    – Progettazione teaser grafici e info-grafiche, inserzioni e promozioni periodiche su facebook (escluso l’investimento economico)
    – Progettazione grafica materiale pubblicitario per stampa (es. eventi, promozioni, lancio prodotti/servizi)

 

 

Condividi su...
L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Mentre si moltiplicano online i portali di ecommerce dove acquistare i prodotti per la dispensa (vedi Amazon Prime Pantry) e di social cooking, a Bernalda (provincia di Matera) tre ragazzi si chiedono come valorizzare i prodotti enogastronomici tipici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale, visto che tra i settori trainanti della Basilicata c’è soprattutto l’agroalimentare. Sono Marcello Torraco, Marco Lapenna e Roberto Colucci: 6 anni fa fondano l’agenzia di comunicazione Amaranto Design ed è proprio il loro know-how nel settore marketing che dà la spinta alla costituzione della startup Godebo. È il portale di ecommerce che mette in rete i prodotti certificati del wine&food della Basilicata per portarli direttamente sulle tavole dei consumatori, attraverso le ricette dei migliori chef. Godebo è online dal 19 settembre 2016, dopo aver stretto una partnership con Treelletti (che gestisce la logistica e il magazzino degli ordini) e alcune associazioni locali di chef, e vuole diventare un vero e proprio format regionale. Come ci spiegano i founder.
Team Godebo

Marco Lapenna, Marcello Torraco, Roberto Colucci, Berny Lepenne (Treelleti)

Che cosa differenzia Godebo dagli altri portali di e-commerce e dai siti amatoriali di ricette?
«Godebo è l’anagramma di “Be Good” e

vuole invitare la gente a sedersi a tavola gustando prodotti locali di alta qualità e che acquisiscono valore e ulteriore sapore se combinati in modo esclusivo con le ricette create dagli chef

e che, grazie ai tutorial on line, posso essere realizzate anche a casa. Si rivolge agli amanti del mangiar bene, alla ricerca di prodotti tipici unici e che non sono acquistabili al supermercato».

Cosa posso acquistare attualmente su Godebo?
«Ci sono due menù completi, Atena e Heraclea, per 4-5 persone, ognuno con quattro portate (antipasto, primo, secondo e dolce) ma c’è anche la possibilità di acquistare singoli piatti, o singoli prodotti nello “Scaffale”: dai vini (molto richiesti) ai salumi, dai legumi alle conserve, dall’olio ai prodotti da forno alla pasta secca o fresca. Una volta scelto cosa acquistare, i prodotti vengono inseriti in contenitori ad hoc, che mantengono intatta la freschezza, e, nel giro di 48 ore (se si è in Italia) o di 4-5 giorni (se si è all’estero), arriva a casa il box Godebo, completo di ricetta firmata dallo chef e QR code che rimanda al tutorial on line per la migliore riuscita del piatto».
Box Godebo

Da dove provengono gli ordini?
«Fino a oggi abbiamo consegnato in tutte le zone d’Italia ma anche in Francia, Belgio e Inghilterra. Stiamo cercando di superare alcune difficoltà per le spedizioni all’estero, nei paesi in cui ci sono delle restrizioni o dei dazi da pagare che influiscono sul costo finale dell’ordine per il consumatore. L’idea è quella di creare una rete di rappresentanti internazionale che sia l’interfaccia di Godebo».

Godebo continuerà ad essere il portale del food&wine made in Basilicata?
«Assolutamente no. Siamo nella versione “beta”, come c’è scritto anche sul portale: siamo partiti autofinanziandoci e senza sapere esattamente dove saremmo potuti arrivare. Fino ad oggi abbiamo raccolto molti feedback positivi e, grazie alla partnership con le associazioni degli chef, stiamo mettendo a punto il futuro di Godebo: nel breve termine, vogliamo che diventi, per la Basilicata, l’anello della filiera agroalimentare e il distributore di raccordo dei produttori locali, anche per colmare quei gap “promozionali” e di visibilità di molte imprese lucane. Ma perché non diventare più grandi e trasformarci in un format nazionale? Godebo può diventare il portale di riferimento dei prodotti tipici regionali e mettere a disposizione degli studi di registrazione per le video-ricette degli chef provenienti da tutta Italia».

Fonte: Antonella Di Noia per STARTUPITALIA

Altre info su Godebo ( Intervistati a Linea Verde su RAI UNO, lo staff Godebo. GUARDA minuto 53 )

Condividi su...
Arriva Godebo.com, dalla Lucania la piattaforma web per il cibo rigorosamente made in Italy

Arriva Godebo.com, dalla Lucania la piattaforma web per il cibo rigorosamente made in Italy

MATERA – E’ nata un’altra piattaforma dedicata all’ecommerce del settore food. Il 19 agosto, a Marina di Pisticci (MT), è stata presentata la nuova piattaforma e web magazine Godebo.com Il progetto è una piattaforma virtuale che è un mix tra un blog, una web tv e un e-commerce sul food tipico, inizialmente lucano per poi, in una seconda fase, estendersi a livello interregionale. Un progetto che è anche divulgazione dei metodi e delle tecniche della cucina tradizionale e creativa rigorosamente Made in Italy.

Il visitatore potrà acquistare on line un intero menu, un piatto o i prodotti tipici d’eccellenza per ricreare a casa proprio quella ricetta mostrata in video dai nostri chef. Godebo è una startup nata dall’unione di una società di comunicazione creativa, un gruppo di chef lucani e una società di supermercati di esperienza trentennale che coopera con la grande distribuzione. Alla presentazione è andato in scena uno show cooking dove gli chef della Lucania Food Experience Team hanno mostrato ai presenti metodi e tecniche culinarie e raccontato aneddoti della cucina tradizionale lucana, con spunti creativi e all’avanguardia. Sono seguiti i saluti e le considerazioni del presidente della rete dei villaggi turistici della costa ionica Rete Turismo Italia Jonica, la presentazione del progetto Godebo da parte del team fondatore Amaranto Design. Al termine sono stati degustati vini e prodotti tipici accompagnati da uno spettacolo di cabaret.

Fonte News Age Agro

Condividi su...
Amaranto, il colore preferito di Quadrum!

Amaranto, il colore preferito di Quadrum!

QuadrumSiglato l’accordo di partnership tra la materana Quadrum srl e Amaranto Design srl. Quadrum, società molto attiva nella pubblicità, ha dato alla luce il riuscitissimo evento business di “Matera è Fiera“, oggi alla sua sesta edizione.

Amaranto Design sarà la spalla “tecnica” di Quadrum nella realizzazione di progetti legati al web, web marketing, comunicazione creativa e formazione a distanza.

 

Condividi su...